28 dicembre 2012

Ferri Circolari| Come scegliere il set perfetto per fare a maglia



In questo articolo ti spiego come sia possibile rendere perfetto il tuo set, adattandolo alle tue esigenze e al tuo budget, questo grazie alla mia esperienza personale acquisita nel tempo, che ti permetterà di risparmiare soldi o puntare al set deluxe dei tuoi sogni.

Partecipando ai knitcafè sono spesso bombardata di domande sui ferri che uso...

LE 3 DOMANDE PIÙ FREQUENTI SUI FERRI

FERRI CIRCOLARI FISSI O INTERCAMBIABILI?

La risposta esatta è intercambiabili! Perché ti fanno risparmiare tempo e denaro, te ne parlo in dettaglio più avanti.
I ferri circolari fissi li consiglio solo all'inizio, nel primissimo passaggio dai ferri dritti a quelli circolari. Infatti un paio di ferri circolari fissi può costare tra le 3€ e le 5€, un prezzo accessibile per imparare a maneggiare i nuovi ferri e decidere se sei pronta per un intero set di ferri circolari.

DI QUALE MARCA MI DEVO FIDARE?

Knitpro, knitter's pride, Knit Picks, Addi Clicks e Denise, sono cinque scelte validissime che si differenziano solo per fasce di prezzo. Io resto dell'idea che la marca migliore in commercio tra le 5 è quella che decidi di comprare!

QUANTO COSTANO?

I prezzi per i set partono dai 30€ fino ai 160€/200€. (Considera anche la possibilità di comprarli usati).


La mia esperienza con i ferri circolari non è stata esaltante all'inizio. Per prima cosa li ho cercati nelle mercerie, ma ben presto le facce perplesse delle commesse mi ha fatto capire che (per assurdo), quello non era il posto dove guardare. Ho comprato il primo paio fisso online su Ebay.

Per fortuna le cose si sono evolute in fretta, ora, rispetto a 4 anni fa è molto più facile reperirli sia in una comune merceria che in negozi online Italiani.

Il primo set di ferri intercambiabili sono stati i Knitpro Spectra (punte acriliche). Li ho comprati su Ebay da un negozietto tedesco.
Ti confesso che quando sono arrivati non sapevo nemmeno che cosa ci si dovesse fare con la cord key, immaginavo si usasse come un segna punto, invece era banalmente la chiave per stringere il cavo al ferro.

Sono stata felice del mio set per diverso tempo, fino a quando non ho provato le punte metalliche, lì ho capito che avevo scelto il set sbagliato per me. Quando un anno dopo non avevo usato mai i ferri 6mm, 7mm e 8 mm, ho capito che avevo proprio scelto male.

In seguito ho ricomprato altre punte che compongono il mio set; alcune in america altre in Italia in un negozio di Montesilvano.

Se questo articolo ti sembra un valido aiuto condividilo con i tuoi amici, così da aiutarli nella ricerca del set perfetto!

SCEGLIERE LE PUNTE INTERCAMBIABILI: le giuste considerazioni da fare

Ti faccio una domanda: hai veramente bisogno di un set preconfezionato da qualcun altro?

Probabilmente no, ecco perché:

Come promesso voglio approfondire la mia opinione sulle punte intercambiabili che reputo favolose per vari tipi di lavorazione: circolare, lineare e magic loop.
Essendo intercambiabili, puoi scegliere quale punta comprare a seconda di quelle che usi di più.
  • Se ami i filati fini, non avrai bisogno dei ferri 7mm, 8mm, 9mm.
  • Se ami i filati spessi, non avrai bisogno dei ferri 2.5mm, 3mm, 3.5mm.
  • Se adori lavorare i cappelli, devi contare nel tuo set punte più corte di quelle standard e aggiungere qualche cavo corto o optare per la tecnica del magic loop.
  • Se vuoi una lavorazioni scorrevoli, le punte migliori sono quelle metalliche e di legno, queste ultime non sono ruvide come si pensa perché ben lavorate e coperte da uno strato protettivo che fa scivolare il filato come la seta tra le dita.
  • Se preferisci le lavorazioni strette e lente, gli acrilici fanno per te perché creano molto attrito con i filati, non tutti e non sempre, ma questo è molto personale come parere.
  • Per vedere i ferri all'opera digita il loro nome su Youtube.
  • Oltre alle classiche punte, ora si possono trovare in commercio quelle in carbonio super leggerissime e quelle a base quadrata o triangolare, che svolgono egregiamente il loro lavoro e si possono considerare punte deluxe
La scelta di creare un set estremamente personalizzato può essere la scelta migliore ma anche quella più difficile. Non è affatto facile districarsi in tanta scelta, così se proprio non riesci a scegliere, ti consiglio di tuffarti sui kit o set e fidati non ne rimarrai delusa!

Piccola parentesi uncinettosa

Ad oggi, l'unico brand che considero degno di nota nel mondo dell'uncinetto è Susan Bates... Il suo kit di uncinetti è a dir poco spettacolare.
La testa a punta di questi uncinetti permette miracoli sensoriali!

Tu quali punte pensi di comprare o quali hai già provato? Lascia un commento per aiutarci nella scelta!

Questo articolo contiene link di affiliazione, quando clicchi su un link che condivido, io potrei ricevere una commissione dal tuo acquisto. Questo a te non costa nulla. Ma il tuo click e l'acquisto tramite questo link mi aiuta a rimanere online. Grazie!
  1. Ottimo post!! Ho avuto la tua stessa esperienza con il set Spectra punte di plastica.. Inizialmente ero convinta di aver fatto un affare.. poi quando mi sono ritrovata a iniziare il mio primo progetto di un cappello ho dovuto comprare le punte speciali ( e quindi ricostruire da capo un set) e mi sono indirizzata su quelle metalliche.. Quelle si che sono state un affare.. le utilizzo veramente per tutto!! Anche se hanno qualche centimetro in meno rispetto le altre ci monto qualsiasi progetto :) e scorrono che è una meraviglia!!

    RispondiElimina
  2. Ecco, io il problema di quali ferri scegliere non ce lo avrò mai...ho appena depennato il lavoro a maglia dai buoni propositi 2013, eppure alcuni ferri sono talmente fichi che li acquisterei per il puro gusto di possederli...hihi! ^_^ Buon 2013 a te!

    RispondiElimina
  3. ciao!
    ho cominciato da poco ad usare i ferri circolari...
    e mi trovo benissimo!
    solo che qui, dove vivo è un disastro cercarli. una negoziante mi ha venduto dei terribili ferri del 10 (mi servono così larghi perché devo fare uno scaldacollo/scialletto per la mia cugina e lo vuole largo e la lana richiede quei ferri) e, oltre ad avere la plastica dura, non so come il lavoro si è tutto arrotolato... tanto che ho messo su i punti con quelli più piccoli e poi l'ho traferito!
    cercando on line ho trovato questi set e mi chiedevo appunto se ne valesse la pena.
    io sono innamorata dei ferri in legno...
    oddio non so cosa comprare!!
    aiutatemi!
    ;)
    GRAZIE!
    Francesca

    RispondiElimina
  4. Buongiorno e piacere di conoscerti Maria Chiara!
    Ti ho trovata spulciando tra le varie pagine del faccialibro e sorpresa! Organizzi dei Knit cafè vicino casa!
    La passione per la maglia mi è tornata da poco. Ho avuto la fortuna di aver imparato una decina di anni fa la tecnica continentale e scoprendo Emma Fassio, mi è venuto istintivo fare il primo acquisto di ferri circolari. Guardando le varie recensioni su internet mi sono orientata anch'io sugli Spectra. Non mi trovo male, ma da quando ho provato le Nova Cubics (sempre KnitPro) per provare a fare il mio primo cappello mi sono convertita! Sarà che tendo a lavorare stretta, con queste punte mi trovo molto meglio che con le prime, scivolano che è una meraviglia! Insomma, mi trovo talmente bene a lavorare con i circolari che ormai sono una droga ihihihhih :D
    Torno a sferruzzare gli ultimi pensierini ;)
    Buon Natale e a presto!

    Elena.

    RispondiElimina
  5. Buongiorno e grazie a tutte per i preziosi consigli! Mi sto cimentando da poche settimane con i ferri circolari, ne ho un paio solo, di plastica e fissi..( e non scorrono!!) Volevo comprare quelli intercambiabili, ma quali? Cercavo proprio un post come questo, per avere qualche dritta. Grazie 1000!!

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  7. Ciao,sono entrata da poco nel mondo dei ferri circolari, per ora quelli fissi e sono veramente una fatica perchè non scorrono assolutamente, nel punto di innesto del cavo devo spingere i punti a forza ed alla fine il lavoro a maglia anzichè un relax diventa uno stress. Ma forse succede solo a me perchè lavoro un po' stretto? Vorrei provare quelli con cavo morbido e magari un innesto a salita dolce, non ripida, prima di acquistarli, ma quando li chiedo nei negozi neanche sanno di che parlo, e non sono in una borgata sperduta ma a Torino.
    Ho letto le recensioni su ravelry ma si parla solo dei knit pro che mi pare abbiano l'attacco a vite. Cercando nel web ho trovato anche quelli con attacco a baionetta.
    Qualche consiglio utile?
    Grazie

    RispondiElimina
  8. Ciao cara... il tuo problema non è l'attacco dei ferri, ma sicuramente la tua lavorazione stretta, e non succede solo a te ma a tutti coloro che iniziano questa lavorazione.

    Certamente dei ferri di marca ti possono aiutare, ma se non cambi il modo di lavorare è inutile.

    RispondiElimina
  9. Cercherò di lavorare più rilassata.
    Grazie.
    Nadia

    RispondiElimina
  10. Ho appena cominciato a lavorare con ferro circolare guardando Emma Fassio du YouTube, purtroppo non riesco a regolare la tensione del filo ed il lavoro viene non perfetto. Qualche consiglio sara' ben accetto.

    RispondiElimina

Scrivi cosa stai cercando e premi INVIO